Navigation

I numeri che fanno discutere

In Italia e in altri paesi europei potrebbero esserci milioni di contagiati dal Coronavirus. A stimarlo, sulla base dell'analisi matematica dei dati dai Paesi europei, è il Centro per i modelli delle malattie infettive dell'Imperial College di Londra. Ecco l'interpretazione dello scrittore e fisico Paolo Giordano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2020 - 13:48
tvsvizzera.it/fra con RSI
Secondo le stime del gruppo di ricerca dell'Imperial College di Londra, le restrizioni attuate negli 11 Paesi europei "eviteranno 59.000 decessi entro il 31 marzo. Keystone / Peter Steffen

In Italia potrebbero essere 5,9 milioni le persone che finora hanno contratto il virus SarsCoV2, in pratica il 9,8% della popolazione, mentre le misure di contenimento del contagio avrebbero salvato circa 38'000 vite.

In Italia, come in altri Paesi europei, "stimiamo che le infezioni riconosciute siano di diversi ordini di grandezza inferiori rispetto a quelle reali, soprattutto per la presenza di soggetti asintomatici o con pochi sintomi oltre che alla limitata capacità di fare test", scrivono i ricercatori.

Lo studio si basa sull'analisi matematica dei dati forniti quotidianamente dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie circa i decessi legati a Covid-19 in 11 Paesi europei colpiti dall'epidemia: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

"I nostri risultati suggeriscono che gli interventi come il distanziamento sociale o il lockdown hanno già salvato molte vite e continueranno a farlo", spiega Axel Gandy, docente di statistica al dipartimento di matematica dell'Imperial College.

Secondo le stime del suo gruppo, le restrizioni attuate negli 11 Paesi europei "eviteranno 59'000 decessi entro il 31 marzo. Molte altre saranno evitate se le misure verranno mantenute fino a quando diminuirà la trasmissione. Stimiamo - scrivono i ricercatori - che negli 11 Paesi tra i 7 e i 43 milioni di individui siano stati infettati da SarsCoV2 fino al 28 marzo".

Ecco cosa ne pensa lo scrittore e fisico italiano Paolo Giordano (autore di un nuovo saggio dal titolo “Nel contagio”), intervistato dal nostro corrispondente dall'Italia:

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.