Navigation

"Non abbiamo preso noi Regeni"

Lo studente italiano era sparito nel nulla Twitter

Il Cairo smentisce la notizia diffusa dai media occidentali secondo la quale sarebbe stato il governo egiziano a far rapire il giovane

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2016 - 09:59

Il ministero dell'Interno egiziano ha smentito con un comunicato ufficiale la cattura di Giuliano Regeni, lo studente trovato morto il 25 gennaio alla periferia del Cairo. Sabato il New York Times aveva rivelato che il giovane sarebbe stato catturato dalla polizia perché scambiato per una spia. L'equivoco sarebbe nato dal fatto che sul telefonino del ragazzo c'erano alcuni contatti di movimenti antigovernativi.

Le autorità definiscono "erronee" tutte le informazioni riportate dai media occidentali e affermano che una squadra d'indagine, composta da un grande numero di agenti, è stata incaricata di svelare le circostanze che hanno portato alla morte dell'accademico. "Stiamo cooperando con la controparte italiana", si legge nel comunicato.

ANSA/CaL

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.