Navigation

Vendita, firmata l'intesa ma non da tutti

Il sindacato UNIA non aderisce all'accordo sul contratto collettivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2016 - 21:09

Anche il settore della la vendita avrà in Ticino il suo contratto collettivo di lavoro: almeno 3'200 franchi al mese e turni distribuiti su un massimo di 12 ore consecutive sono gli aspetti principali dell'accordo che resta però monco.

Il sindacato UNIA non ha infatti firmato l'intesa che da aprile dovrebbe consentire – ne era la condizione preliminare così come espresso dalle urne in febbraio - di tenere aperti i negozi mezzora in più la sera (dalle 18.30 alle 19) e un'ora il sabato (fino alle 18). Ma prima occorre convincere UNIA.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.