Navigation

Sequestro d'armi nel Luganese, un arresto

In manette un 45enne italiano, indagato anche un commerciante della regione

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2015 - 20:46

Un 45enne è stato arrestato e un commerciante luganese è indagato a piede libero in relazione al sequestro di un ingente quantitativo di armi. A finire in manette è stato un cittadino italiano residente nella regione che possedeva illegalmente in casa una quarantina di armi da fuoco, numerose armi bianche, silenziatori, caricatori, puntatori, accessori vari e 130 chili di munizioni. L'arrestato dovrà ora spiegare agli inquirenti la provenienza di pistole e fucili e soprattutto il motivo per il quale deteneva un piccolo arsenale.

Sempre nell'ambito della stessa inchiesta, condotta dal procuratore ticinese Arturo Garzoni, sono stati perquisiti sedi e locali riconducibili a un commerciante indagato anch'esso per ripetuta infrazione alla legge federale sulle armi. Gli agenti gli hanno sequestrato 130 armi da fuoco, una granata dell'esercito svizzero, un taser e altri oggetti utili all'inchiesta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?