Navigation

Profughi, nuova ondata a Chiasso

Un aumento di arrivi dovuto alla chiusura delle frontiere a Ventimiglia e all' inasprimento dei controlli in Austria

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2015 - 19:22

Si alza la pressione alle frontiere svizzere... il Ticino non fa eccezione. Nel fine settimana sono stati molti i profughi giunti a Chiasso principalmente in treno. Sono soprattutto eritrei. Arrivano a ondate, con il loro bagaglio di sofferenze, in fuga, sebbene arrivino in frontiera come un qualsiasi passeggero.

Un aumento di arrivi a Chiasso dovuto alla chiusura delle frontiere a Ventimiglia e all' inasprimento dei controlli in Austria. Le Guardie di confine per ora riescono a farvi fronte, ma ci si prepara a scenari peggiori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.