Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Maroni: "nessuna discriminazione"

La legge sulle imprese artigianali e il cosiddetto albo per gli artigiani voluto per tutelare l’economia e il mercato del lavoro ticinesi non violano gli accordi di libera circolazione

È stato un incontro ufficiale, con tutte le formalità del caso. Oggi, all'11esimo piano di Palazzo Lombardia a Milano, il governatore Roberto Maroni e il presidente del governo ticinese Norman Gobbi hanno discusso di tutta una serie di temi che vedono Lombardia e Ticino protagonisti: dalle infrastrutture, passando per la cultura al nuovo assetto della Regio Insubrica e alla nascita dell'EUSALP, la nuova macroregione alpina che ingloba anche Confederazione elvetica e Italia.

Temi "spinosi"

Poi, sono stati affrontati anche i temi che lo stesso Maroni ha definito più spinosi: l'accordo italo-svizzero sulla doppia imposizione che comporterà un aumento della pressione fiscale per i lavoratori frontalieri ("una questione in divenire") e, soprattutto, la legge sulle imprese artigianali (LIA) e il cosiddetto albo per gli artigiani, voluto da Consiglio di Stato e Gran Consiglio per tutelare l'economia e il mercato del lavoro ticinesi ma che obbliga i piccoli imprenditori italiani ad adempiere a tutta una serie di requisiti per poter operare oltre confine. Una misura definita dalla Confartigianato italiana e dal ministro italiano degli esteri Paolo Gentiloni come discriminatoria e lesiva dei principi di libera circolazione.

"Nessuna discriminazione"

Ai microfoni della RSI, tuttavia, lo stesso Maroni ha gettato acqua sul fuoco: "Parlando con Norman Gobbi mi sono convinto che la misura non è discriminatoria. È una legge fatta per regolamentare e tutelare l'artigianato locale ma che certo comporta oneri per i lavoratori italiani; a riguardo istituiremo un tavolo di monitoraggio all'interno della Regio Insubrica per capire come risolvere questi problemi".

Per quanto riguarda i lavoratori italiani che ogni giorno varcano la frontiera Maroni ha aggiunto: "I frontalieri sono indispensabili per il Ticino, il cantone deve tutelarli maggiormente, senza di loro l'economia si ferma"

Sempre esprimendosi sulla LIA, Gobbi ha dichiarato: "La legge non viola gli accordi di libera circolazione. Le procedure a cui un ditta elvetica deve adempiere per operare in Italia sono molto più complicate e penalizzanti". La norma serve a tutelare un'economia locale confrontata con una pressione sui prezzi e per combattere l'economia sommersa e chi non paga l'IVA e non rispetta gli obblighi salariali, ha aggiunto il campo del Dipartimento delle istituzioni.

Ludovico Camposampiero

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×