Navigation

Italia, preoccupazioni per l'accordo sui frontalieri

I comuni di confine temono che il 30% di aliquota sparisca nel "calderone romano"

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2016 - 19:39

Nei comuni italiani interessati, il nuovo accordo tra Svizzera e Italia sull'imposizione dei lavoratori frontalieri suscita preoccupazione poiché questi ultimi subiranno una maggiore pressione fiscale.

A non piacere è soprattutto la soppressione del meccanismo dei ristorni. Visto che la tassazione verrà gestita direttamente da Roma, la grande paura che i comuni italiani sulla fascia di confine condividono è quella di non poter più annoverare tra le proprie entrate parte di quei ristorni e dunque di vedersi diminuire il gettito annuale che sino ad ora faceva parte dei loro bilanci.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?