Navigation

Frontalieri, la giornata di protesta

tvsvizzera

Oltre 250 persone riunitesi a Lavena Ponte Tresa. Presenti anche delegazioni di frontalieri da San Marino

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2016 - 17:50

L'associazione Frontalieri Ticino intorno alle 14:30 di sabato ha cominciato la sua giornata di protesta a Lavena Ponte Tresa con una pacifica marcia. Le oltre 250 persone hanno sfilato per le vie del paese, passando davanti al valico di Ponte Tresa e sostando per alcuni secondi, come gesto simbolico.

Alle ormai note rimostranze si sono aggiunte poi anche le lagnanze per la serata organizzata a Malnate dai sindacati italiani e svizzeri dove ha partecipato il negoziatore venuto da Roma, Vieri Ceriani.

Proprio le modalità di questo incontro hanno indispettito i rappresentanti dei frontalieri diretti da Eros Sebastiani, che hanno contestato l'impossibilità di fare domande al negoziatore ministeriale. Presenti all'incontro culminato nei pressi della piazza del mercato, anche delegazioni di frontalieri da San Marino.


Va in ultimo sottolineato il fatto che i partecipanti si aspettavano (e si auguravano) un'affluenza maggiore e, proprio per questo, molti frontalieri sono rimasti delusi dalla scarsa partecipazione, nonostante la giornata di bel tempo.

SdR

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.