Navigation

Cose ne sarà della piazza finanziaria ticinese?

Inchiesta del settimanale "Falò". Si spera che l'accordo fiscale italo-svizzero risolverà il clima di incertezza in cui vivono le banche luganesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2015 - 16:05

Il settore finanziario ha contribuito non poco alla ricchezza della Svizzera e del Ticino. Ma da alcuni anni sta attraversando una crisi profonda dalle mille incognite. Una cosa sembra però chiara. Quando sarà passata la bufera niente sarà come prima. Ma cosa rimarrà di quello che è stato? Cosa cambierà?

La piazza finanziaria ticinese in che modo si svilupperà per sopravvivere? È vero che i clienti italiano sono in fuga? L'accordo fiscale italo-svizzero di febbraio sarà la soluzione per la piazza finanziaria?

Il servizio di "Falò" cerca di dare una risposta. Anche attraverso le voci di quei clienti italiani che hanno protestato contro le banche ticinesi per il trattamento ricevuto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.