Navigation

Abbigliamento, 7 impiegati su 10 sono frontalieri

Cresce la pressione occupazionale sul confine Ti-Press

Lo afferma il Governo ticinese rispondendo a un atto parlamentare

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2016 - 18:19

Una notizia che di sicuro rinfocolerà le polemiche in Ticino sul numero di frontalieri e il dumping salariale.

Rispondendo ad un'interrogazione di un deputato leghista, il Consiglio di Stato ticinese -come annota il sito ticinonews.ch- ha fornito i dati relativi ai dipendenti provenienti da oltre confine per abbigliamento e commercio all'ingrosso.

Fa riflettere in particolare il primo dato: su 10 impiegati nell'abbigliamento, 7 sono frontalieri. Nel commercio all'ingrosso la percentuale di dipendenti italiani è invece del 30%

Il Governo ha preferito non divulgare i dati che riguardano le singole aziende per motivi legati alla tutela dei dati personali e al segreto fiscale.

Da notare che in Ticino hanno sede molte aziende italiane dell'abbigliamento che vi si sono insediate per convenienza fiscale.

gin

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.