Navigation

"Prima i nostri" a Le Iene, Quadri: non è informazione

Quadri intervistato dall'inviato de Le Iene iene.mediaset.it

"L'inviato non capiva un tubo. Hanno fatto apparire quel che avevano stabilito, ovvero che i ticinesi sono razzisti"

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 ottobre 2016 - 19:10

"Hanno fatto apparire quello che già avevano stabilito, ovvero che i ticinesi sono razzisti". Lorenzo Quadri reagisce così alle polemiche sollevate dal servizio delle IeneLink esterno su "Prima i nostri".

"La loro prima domanda è stata: "Ma non vi vergognate della caz…ta di Prima i nostri?" Io ho cercato di spiegare. Ma l'intervistatore non capiva un tubo: né di frontalieri, né di bilaterali, né di contingenti. Mi sembrava di parlare con un mulo. Il colloquio è durato 20 minuti. Poi hanno estrapolato quello che volevano. Bisognava aspettarselo. La prossima volta staremo più attenti. Questa comunque non è informazione", aggiunge.

Anche il PLR ha cavalcato la polemica, con due commenti postati sulla pagina FacebookLink esterno del partito. "Quadri e Bignasca - commenta il segretario Andrea Nava - hanno fatto una magra figura. Ma, di conseguenza, l'hanno fatta tutti i ticinesi". "Chiaramente - conclude - si tratta di uno show italiano. E i modi sono discutibili. D'altro canto però vi si sollevano degli aspetti della Lega che mancano di coerenza". Un'accusa che Quadri rimanda al mittente: "Ormai al PLR grattano il fondo del barile".

joe.p.

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.