Navigation

Salvini: porti italiani chiusi per altre due Ong

L'equipaggio della Seefuchs in un'azione di salvataggio (immagine d'archivio fornita dalla Ong Sea-Eye). Keystone

Il ministro degli Interni italiano Salvini ha diffuso sabato un avvertimento all'indirizzo di due Ong, giunte al largo della Libia per recuperare naufraghi abbandonati dagli scafisti. Alle due navi, battenti bandiera olandese, saranno preclusi i porti italiani.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2018 - 14:15
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 16.06.2018)

Il ministro non transige, così come aveva fatto con l'imbarcazione di SOS MediterranéeLink esterno Aquarius, che dopo un'intera settimana di polemiche e conflitti diplomatici sta ancora navigando verso la Spagna.

Il messaggio su Facebook, rivolto questa volta a LifelineLink esterno e SeefuchsLink esterno, è inequivocabile: "Sappiano questi signori che l'Italia non vuole più essere complice del business dell'immigrazione clandestina, e quindi dovranno cercarsi altri porti (non italiani) dove dirigersi".

"Da ministro e papà", ha aggiunto Matteo Salvini davanti alle telecamere, "possono attaccarmi quanto vogliono ma io non mollo e lo faccio per il bene di tutti.

Migranti a bordo dell'Aquarius, in un'immagine fornita dalla Ong SOS Mediterranée Keystone

Aquarius, verosimilmente, approderà a Valencia nelle prime ore di domani, dopo sette giorni di navigazione. Nella mattina di sabato, scortata da due navi militari italiane, sta navigando in acque internazionali al largo delle Baleari.

La disavventura delle centinaia di passeggeri a bordo sta dunque per concludersi, ma pare essere soltanto l'inizio di una lunga disputa sulla questione migratoria.

Contenuto esterno

"Questo governo non lascerà che siano associazioni private, pagate e finanziate da chissà chi, a gestire l'immigrazione e l'ordine pubblico in Italia. Lo Stato torna a fare lo Stato", ha dichiarato il ministro italiano degli Interni.

"Non sono Ong straniere, finanziate da sconosciuti stranieri, battenti bandiere straniere a decidere chi sbarca e chi non sbarca in Italia. È finita la pacchia", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.