Politica ed economia Vertice europeo per il futuro dell'Ue

Il premier olandese Rutte accoglie il premier italiano Conte: due capi di governo posizionati agli antipodi.

Il premier olandese Mark Rutte (qui con Giuseppe Conte) al suo arrivo è stato chiaro: "Vedo poco meno del 50% di possibilità di raggiungere un accordo".

Keystone / Michael Corder

Sono iniziati i lavori della due giorni del Consiglio europeo straordinario sul 'Recovery Fund' per la ripresa economica e il bilancio pluriennale dell'Ue per il 2021-2027. Ne va del futuro politico e non solo economico dell'Unione europea. Le posizione dei diversi Paesi sono ancora molto distanti.

Giuseppe Conte arriva al vertice che lo stesso presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito "decisivo". E batte sul tasto della necessità di non farne una partita "contabile", non un "dare e avere", ma una sfida politica con una visione: "In gioco c'è l'Europa, una pronta ripresa e la competitività nel mondo globale, con la Cina e gli Stati Uniti", ribadisce il premier italiano. 

"C'è la necessità di non farne una partita 'contabile', ma una sfida politica con una visione: in gioco c'è l'Europa".

Giuseppe Conte

Fine della citazione

Al suo arrivo al vertice straordinario il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel ha dichiarato che "anche se" l'incontro di oggi "sarà difficile, sono convinto che con coraggio politico sia possibile raggiungere un accordo". 

"Abbiamo lavorato duramente per preparare questo vertice - ha affermato Michel -. So che sarà difficile: non si tratta solo di soldi ma di persone, del futuro dell'Europa, della nostra unità".

"Dobbiamo superare questa crisi ed emergere più forti da questa crisi", ha detto da parte sua la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen arrivando al Consiglio europeo. 

"Tutti i pezzi necessari per un accordo - ha aggiunto von der Leyen - sono sul tavolo. Una soluzione è possibile. Molto è in gioco, ed una soluzione è quella che si aspettano i nostri cittadini da noi. Con next generation Eu e un convincente quadro finanziario europeo abbiamo la possibilità non solo di superare la crisi ma anche di modernizzare il nostro mercato interno e la nostra unione e portare avanti il green deal e la digitalizzazione". 

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha sottolineato che "le differenze" tra i leader Ue "sono ancora molto, molto grandi e non possiamo prevedere se riusciremo a raggiungere un risultato". 

Mi aspetto trattative molto, molto difficili", ha detto Merkel, sottolineando che "la Germania lavorerà insieme alla Francia per aiutare il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel". "Dobbiamo solo lavorare sodo", ha aggiunto.

Compromessi necessari

"Dobbiamo guardare in faccia la realtà" della crisi "e tutti devono davvero essere disposti a scendere a compromessi in modo da poter ottenere qualcosa di buono per l'Europa", ha affermato la cancelliera tedesca, sottolineando che "sarebbe auspicabile giungere oggi a un risultato" sul Recovery Fund.

È un consiglio europeo eccezionale interamente dedicato al piano di rilancio e al bilancio europeo è un momento di verità e ambizione per l'Europa", ha dichiarato da parte sua il presidente francese Emmanuel Macron. 

"Stiamo vivendo una crisi inedita dal punto di vista sanitario ed economico - ha aggiunto - è in gioco il nostro progetto europeo, sono fiducioso ma prudente. Porterò il massimo dell'ambizione e insieme alla cancelliera Merkel e al presidente Michel faremo di tutto perché si trovi un accordo".

Il servizio del telegiornale:


tvsvizzera.it/fra con RSI

Parole chiave