Pandemia Nuovi casi di coronavirus, occhi puntati sulle discoteche

Entrata club

In molti puntano il dito contro le discoteche dopo il nuovo aumento dei casi da coronavirus.

Keystone / Ennio Leanza

Le discoteche e i club sono i luoghi dove è avvenuta la maggior parte dei contagi nelle ultime due settimane, secondo le cifre dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufps). Il cantone Ginevra ne ordina la chiusura, mentre i responsabili dei locali di Zurigo si difendono e relativizzano i dati.

Secondo i dati che la Radiotelevisione svizzera di lingua tedesca ha richiesto all'Ufsp, tra i luoghi noti dove si sono verificate le infezioni nelle ultime due settimane al primo posto ci sono le discoteche e club, con il 42% dei contagi, seguono bar e ristoranti (27%) mentre le infezioni in famiglia, laddove è stato possibile risalire al luogo del contagio, sono solo il 12%.

Tuttavia, solo in meno della metà dei casi degli ultimi 14 giorni è noto dove sono avvenuti i contagi.


Il cantone Ginevra ha comunque deciso di agire, ordinando la chiusura di tutti i locali notturni almeno fino al 23 agosto. Nel cantone, il numero di nuove infezioni è aumentato significativamente da tre settimane in luglio passando da 37 casi settimanali a 79 e poi a 216. Questa settimana 225 persone sono risultate positive e 14 hanno dovuto essere ricoverate.

A Zurigo, un'altra grande città dalla vita notturna molto vivace, i responsabili di bar e ristoranti temono che una decisione analoga possa essere presa anche nel cantone germanofono.

"Solo l'1% degli eventi che hanno avuto luogo a Zurigo sono stati coinvolti in casi legati al coronavirus", ha indicato venerdì ai media Alexander Bücheli, direttore della commissione di bar e club zurighesi. "Solo 13 persone sono state contagiate dalla riapertura in giugno. Circa 120'000 hanno frequentato i locali. Non vediamo nessuna ragione per chiudere di nuovo".

Per Bücheli, il fatto che le discoteche emergano in modo così evidente è semplicemente perché in questi locali ogni contagio è rintracciabile grazie alle misure adottate dalla categoria. 

Questione di sopravvivenza

Evitare una nuova chiusura è anche una questione di sopravvivenza per molti locali. Uno su quattro a Zurigo ha già licenziato degli impiegati. Tra coloro che hanno ancora un lavoro, il 75% riceve delle indennità di disoccupazione parziale. Molte discoteche saranno anche a corto di liquidità e entro l'autunno saranno chiuse, ritiene Bücheli. Dal 6 giugno solo il 40% delle discoteche della città ha riaperto regolarmente. Il 14% ha fatto ma ha poi deciso di fare marcia indietro.

Giovedì, l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufps) ha chiesto più coordinamento tra cantoni per far fronte alla nuova crescita delle infezioni affinché le misure introdotte siano armonizzate e comprensibili per la popolazione.

Il direttore dell'Ufps Pascal Strupler ha ipotizzato l'obbligo di indossare le mascherine nei negozi, o anche tutti i luoghi pubblici, il controllo dei dati dei clienti in bar, discoteche e ristoranti e un limite di 100 persone in questo tipo di locale.

I dettagli nel Telegiornale:


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (News e TG del 31.07.2020)

Parole chiave