Ombrellai di successo Reinventarsi imprenditori a cinquant'anni

Di Giulia Guerri

Quando la storica azienda per cui lavoravano ha chiuso i battenti, Mario e Maurizio Nozzolino – ombrellai da una vita – hanno deciso di inventarsi imprenditori, riassumendo anche qualche ex collega. Oggi la loro ditta fornisce grandi marche della moda in tutto il mondo.

uomo con ombrello aperto

Per Maurizio Nozzolino più che un lavoro il suo è una passione.

tvsvizzera

Il mestiere ce l’hanno nelle mani: "È stato un vecchio maestro a insegnarmi questa lavorazione", dice Maurizio mentre curva con la fiamma un pezzo di bambù destinato a diventare un manico per ombrelli.

Cassano Magnago, in provincia di Varese, la culla della industria manifatturiera in Italia, con una distribuzione di 7,5 aziende per chilometro quadrato. La storia di Mario e Maurizio Nozzolino, due fratelli che da operai sono diventati imprenditori, inizia proprio in questi territori.


Quando la ditta per la quale lavoravano da più di 40 anni nel 2018 chiude per cessata attività. "Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo detti: e ora che cosa facciamo? Alla nostra età chi ci prende?".

Troppo giovani per la pensione e troppo anziani per rimettersi sul mercato del lavoro, di fronte alla prospettiva di dover andare a scaricare valige all’aeroporto o fare il parcheggiatore pur di arrivare a fine mese, Mario e Maurizio decidono di investire il proprio Trattamento di fine rapporto e un’altra parte di soldi per riprendere l’attività.

Comprano i macchinari dal loro ex titolare che fornisce loro anche il pacchetto clienti, si sistemano nei capannoni di Cassano ed ecco che la produzione riparte. E riprende superando anche le più rosee aspettative: un fatturato che supera i 500'000 euro all’anno con clienti da tutto il mondo.

E pensare che il core business di questa azienda è un mestiere d’altri tempi: la produzione di manici per ombrelli in legno, appunto, rivestiti in pelle. "Il lavoro dell’ombrellaio è un’arte antica - spiega Mario -, risale al 1850. Io ho iniziato a 14 anni e ora a 55 lo faccio ancora e ne vado fiero".

Sono rimasti in pochi, pochissimi in Europa a fare questo tipo di lavorazione: tre o quattro, non di più. Nella nuova azienda ora sono in sette: oltre ai due fratelli, ci sono anche quattro ex colleghi della vecchia azienda che hanno ripreso a lavorare con loro e una segretaria. Ma in futuro, i Nozzolino non escludono di assumere altro personale. 

Se lo sarebbero mai immaginato di diventare un giorno imprenditori Mario e Maurizio? 

"Avevo sempre avuto questo sogno - confessa Maurizio -, ma nel mio cuore mi sento ancora operaio". Proprio come i suoi ex colleghi che ora sono al suo fianco: senza di loro non avrebbero fatto nulla di tutto questo.


Parole chiave