Navigation

Il volume dei ghiacciai svizzeri è diminuito del 10%

I ghiacciai svizzeri hanno perso oltre il 10% del loro volume negli ultimi cinque anni. Una tale perdita di massa glaciale non era ancora stata osservata nelle serie di dati da oltre un secolo. Lo indica l'Accademia svizzera di scienze naturali (scnat).

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2019 - 21:06
tvsvizzera.it/fra con RSI
Il ghiaccio dell'Aletsch in Vallese. Keystone / Anthony Anex

Il bilancio è stato fornito dalla Commissione di esperti della criosfera (CEC) della stessa scnat, cui competono la misura delle variazioni e la documentazione dei cambiamenti dei ghiacciai, delle coperture nevose e dei suoli ghiacciati in modo temporaneo o perenne (permafrost). Per il bilancio della massa dei ghiacciai, la CEC ne considera 20.

Nel solo 2019 le perdite di massa glaciale "hanno raggiunto livelli record" corrispondenti a circa il 2% del totale, scrive la scnat. Il dato sorprende perché la copertura nevosa, che in teoria alimenta la formazione dei ghiacciai, dell'inverno 2018-2019 (che gli esperti definiscono come il periodo da novembre ad aprile) "è stata superiore e persino nettamente superiore alla media" a seconda delle regioni. 

In vari settori dei Grigioni, ad esempio, alla metà di gennaio è stata misurata una quantità di neve come mai prima in questo periodo. Anche maggio si è rivelato nevoso: lo spessore del manto bianco in alta quota alla fine del mese era di due-tre volte superiore alla media pluriennale. 

Determinante per la dinamica del ghiaccio però è stato il caldo estivo, in particolare alla fine di giugno e fine luglio. L'abbondante neve si è sciolta in breve tempo e il fenomeno è stato seguito dalla fusione dei ghiacciai, proseguita fino all'inizio di settembre.

Contenuto esterno




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.