Navigation

Lockdown per i non vaccinati anche in Germania

Berlino corre ai ripari prima che la situazione epidemiologica finisca fuori controllo. Keystone / Michael Kappeler

A pochi giorni dall'insediamento del suo successore Olaf Scholz la cancelliera Angela Merkel vara una stretta sui no-vax alla luce del vistoso aumento dei contagi e della pressione sugli ospedali tedeschi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2021 - 21:10
tvsvizzera.it/spal con Keysrone-ATS

Dopo aver incontrato i rappresentanti dei 16 Länder e il cancelliere designato, Angela Merkel ha annunciato un semiconfinamento per i non vaccinati contro il Covid-19. Le restrizioni saranno applicate in base al principio del 2G (green pass solo ai vaccinati o ai guariti) analoga a quella già adottata dalla vicina Austria.

Questo significa che i non vaccinati, indipendentemente dall'esito di un tampone, non avranno più accesso ai negozi non essenziali, ai luoghi della cultura, dello sport e del divertimento, ai mercatini di Natale, ai ristoranti e ai bar. Dovranno inoltre limitare anche i loro contatti privati, che sia a domicilio o all'esterno, a un massimo di due persone di un'altra economia domestica.

"La situazione è seria e il carico delle strutture sanitarie è in parte già ai limiti", ha detto la cancelliera tedesca, annunciando le misure prese alla conferenza Stato-Regioni. Per la Angela Merkel è ora necessario "un atto nazionale di solidarietà" per ridurre il numero dei contagi e la pressione sul sistema sanitario.

Le restrizioni applicate sui no-vax non sono una novità nel paese, ma finora erano provvedimenti presi a livello locale e non omogenei su tutto il territorio nazionale. Nel Paese è completamente immunizzato il 68,7% della popolazione (l'80% degli adulti).

Possibile vaccinazione obbligatoria da febbraio

Ma la strategia messa in campo da Berlino non si ferma qui. È infatti all'esame un progetto di legge da sottoporre al Parlamento, al fine di introdurre da febbraio l'obbligo vaccinale, una misura che vede favorevoli sia la cancelliera conservatrice uscente che il socialdemocratico che prenderà il suo posto fra pochi giorni.

"Abbiamo tutti sperato che l'approccio su base volontaristica avesse maggiore successo", ha detto Merkel nella conferenza stampa, "ma ora è chiaro che i vaccini sono l'unica via di uscita dalla pandemia e occorre prendere questa decisione. Il Parlamento della Germania valuterà l'obbligo di vaccinazione generale contro il Covid-19, che potrebbe entrare in vigore da febbraio". 

Anche misure per tutti

Una serie di misure riguarderanno invece tutta la popolazione: il pubblico di grandi eventi come le partite di calcio sarà limitato al 30-50% della capienza dell'impianto, i locali notturni chiuderanno nelle regioni dove l'incidenza settimanale supera i 350 casi ogni 100'000 abitanti, fra.

A livello nazionale la media è attualmente di 440 casi e molti ospedali sono prossimi alla saturazione. La mascherina ridiventa obbligatoria nelle scuole di tutto il Paese.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?