Navigation

Ginevra, uccisa studentessa italiana

La 29enne, in città per un dottorato, sarebbe stata colpita con una spranga da un uomo che l'aveva avvicinata per rubarle la borsetta

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 aprile 2016 - 21:19

A Ginevra, una studentessa è stata uccisa nella notte tra lunedì e martedì mentre rientrava a casa. La 29enne era una ricercatrice di origini pugliesi che, dopo gli studi a Torino, frequentava un dottorato alla facoltà di medicina nel campo della microbiologia molecolare.

Secondo indiscrezioni di stampa, la ragazza sarebbe stata avvicinata da un uomo che avrebbe tentato di rubarle la borsetta per poi colpirla con una sbarra di ferro. Trasportata all'Ospedale universitario di Ginevra, la giovane è morta a causa delle ferite alla testa.

Il presunto assassino, secondo la polizia, sarebbe un uomo di origini africane fra i 20 e i 30 anni, tuttora ricercato. Il Ministero pubblico ginevrino ha aperto un'inchiesta.

La famiglia della giovane, avvisata dalle autorità italiane, è partita alla volta delle sponde del Lemano per recuperare il corpo.

ANSA/sf/TG

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.