Navigation

Facebook, Zuckerberg sulla graticola

Contenuto esterno

La denuncia di un ex dipendente e alcuni documenti riservati stanno creando più di un problema a Facebook, impresa accusata di aver tollerato la diffusione di false notizie e interventi violenti per motivi politici ed economici. In particolare, secondo quanto sta emergendo in questi giorni, dallo scandalo Facebook Papers, Zuckerberg si sarebbe piegato alle pressioni di governi e potenti al solo scopo di continuare a incrementare i propri bilanci. E, contravvenendo alle regole, sarebbero stati tollerati discorsi d'odio e disinformazione in occasione di appuntamenti cruciali, come le presidenziali americane e l'assalto del 6 gennaio a Capitol Hill.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2021 - 20:55

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.