Navigation

Sterzata a destra anche in Slovenia

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2018 - 13:18
tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (TG del 4.6.2018)

I conservatori del Partito democratico sloveno, guidati dall'ex premier Janez Jansa, hanno vinto le elezioni politiche anticipate organizzate questo fine settimana. Ma difficilmente potranno governare.

L'avanzata delle forze sovraniste ed anti-migranti si conferma anche in Slovenia. Il Partito democratico sloveno (Sds), che ha fatto campagna insistendo appunto su queste tematiche, si è aggiudicato il 25% dei voti.

Conquistando 26 dei 90 seggi dell'Assemblea nazionale, l'Sds non ha però i numeri per governare da solo. Anzi, durante la campagna elettorale la maggior parte dei partiti ha escluso l'ipotesi di formare un'alleanza con i nazionalisti, che hanno ricevuto il sostegno del premier ungherese Viktor Orban.

Non sono quindi da escludere sorprese e la formazione di un governo potrebbe richiedere mesi. Marjan Sarec, ex attore e sindaco della città di Kamnik, ha dichiarato di avere buone speranze di diventare primo ministro. La sua lista, che si presentava per la prima volta e che è su posizioni centriste, ha ottenuto il 12,6% delle preferenze. Tuttavia per formare una maggioranza dovrà trovare almeno altri tre alleati.

Sarec potrebbe trovare appoggi tra i socialdemocratici, terzi con poco più del 10%, tra i centristi del premier uscente Miro Cerar, al 9,6%, e tra gli esponenti del partito dei pensionati, al 4,9%.

Le legislative anticipate erano state convocate dopo le dimissioni in marzo di Cerar, che non era riuscito ad ottenere l'avallo per un ambizioso progetto ferroviario.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?