Navigation

Depositate le firme per il referendum contro i nuovi caccia

Due F/A-18 in dotazione alle Forze armate svizzere © Keystone / Marcel Bieri

Gli svizzeri torneranno a votare sull'acquisto degli aerei da combattimento destinati a sostituire gli F/A-18 e i Tiger attualmente in dotazione alle forze armate elvetiche.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2020 - 21:41
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 17.6.2020)

Il Gruppo per una Svizzera senza Esercito (GSsE) e rappresentanti dei partiti di sinistra (socialisti e verdi) hanno depositato mercoledì alla Cancelleria federale quasi 90'000 firme (65'874 già vidimate) a sostegno del referendum che si terrà il prossimo 27 settembre contro i sei miliardi che saranno stanziati per i nuovi caccia e su cui il parlamento si è pronunciato lo scorso dicembre dal parlamento.

Più precisamente il quesito referendario che sarà sottoposto agli elettori riguarderà il principio dell'acquisto, senza addentrarsi su modelli e cifre.

Il servizio del Tg

Contenuto esterno

Per i referendisti i costi del progetto, che nel corso degli anni verosimilmente saliranno a 24 miliardi di franchi a causa delle future spese di esercizio e di manutenzione, sono ingiustificati dal profilo operativo e vanno a discapito di altri settori (crisi sociale ed economica, ambiente, istruzione, trasporti pubblici e pensioni). "È uno spreco di soldi irresponsabile", ha in proposito osservato il consigliere nazionale dei Verdi Fabien Fivaz, per il quale occorrerebbe utilizzare queste somme per contrastare il cambiamento climatico e salvare i posti di lavoro.

Inoltre, ha aggiunto il parlamentare socialista Carlo Sommaruga, per i compiti di polizia aerea sui cieli svizzeri potrebbero essere impiegati jet leggeri molto meno costosi. In ogni caso, sottolineano gli oppositori, gli attuali F/A-18 sono sufficienti a garantire un'efficace difesa aerea anche quando verranno pensionati i 54 Tiger F-5 dell'aviazione militare rossocrociata.

Sull'altro fronte, tutti gli altri partiti hanno evidenziato che la difesa e la sicurezza della popolazione sono tutt'altro che un "lusso insensato". Mentre dal punto di vista economico i nuovi aerei da combattimento e i costi d'esercizio non sottraggono risorse ad altri settori ma saranno finanziati esclusivamente dal bilancio dell'esercito. Si tratterà solo di intervenire sulla ripartizione delle somme d'esercizio delle Forze armate.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?