Navigation

Vertice Nato e G7 a Bruxelles sulla crisi ucraina

Contenuto esterno

Monito a Mosca a non usare armi chimiche e nucleari dai vertici internazionali straordinari che si sono tenuti a Bruxelles.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2022 - 22:51

ll G7 che si è tenuto a Bruxelles si è detto unito nel riportare la pace e la stabilità e si impegna a lavorare insieme a sostegno della raccolta di prove per i crimini di guerra in Ucraina. Il G7 poi mette in guardia contro ogni minaccia sull'uso di armi chimiche, biologiche e nucleari.

"Richiamiamo la Russia agli obblighi dei trattati internazionali di cui è firmataria" scrive il documento finale che invita gli altri paesi a non aggirare le sanzioni in atto contro Mosca.

 Inoltre è stato chiesto ai paesi produttori di petrolio e gas di potenziare la produzione per il mercato internazionale. In seguito al meeting del G7, gli Stati Uniti hanno annunciato le nuove sanzioni contro 328 membri della Duma russa, diverse aziende e alcuni oligarchi. 

In precedenza alla riunione straordinaria della Nato Jens Stoltenberg ha detto  che l'alleanza sta affrontando la crisi di sicurezza più seria da decenni e i trenta Stati membri chiudono decidendo di fornire più assistenza all'Ucraina, tra cui armi anti-carro, difese anti-missili e droni e inviando quattro nuovi gruppi tattici nei paesi dove ancora non c'era una presenza stabile della nato: Bulgaria, Romania, Ungheria e Slovacchia. E alla luce di questa situazione internazionale delicata, gli alleati hanno prolungato di un anno il mandato di Jens Stoltenberg.



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?