La televisione svizzera per l’Italia

Venezia solo su prenotazione (e a pagamento)

turisti in piazza san marco
A Venezia arrivano fino a 100'000 turisti al giorno. © Keystone / Gaetan Bally

Prossimamente, si potrà accedere alla città lagunare solo riservando il biglietto d'entrata su internet, dal costo di 5 euro al giorno.

L’idea era nell’aria già da tempo, ma la giunta guidata dal sindaco di centrodestra Luigi Brugnaro ha ora l’intenzione di implementarla dall’estate, come dichiarato qualche giorno fa proprio dallo stesso Brugnaro.

Concretamente, per poter visitare questo museo a cielo aperto bisognerà prenotare e pagare un ticket dal costo di 5 euro al giorno per poter passare dai tornelli installati nei principali punti d’ingresso della città.

L’obiettivo è naturalmente di limitare l’impatto del turismo di massa su quel fragile ecosistema che è Venezia. Con poco più di 50’000 abitanti nel centro storico, la città lagunare riceve fino a 100’000 visitatori al giorno.

Contenuto esterno

Scoraggiare turismo di giornata

In particolare, si vuole scoraggiare il turismo “mordi e fuggi, che arriva in un giorno e riparte nello stesso giorno, affaticando e stressando la città, e favorire invece un turismo più lento”, stando a quanto dichiarato dall’assessore al Turismo Simone Venturini.

Per gestire il flusso di turisti, Venezia si è dotata anche di moderni sistemi di controllo. Cinquecento telecamere intelligenti capaci di contare le persone in circolazione. La polizia raccoglie però anche i dati provenienti dalla rete cellulare per avere maggiori informazioni sui visitatori.

Cosa ne pensano i veneziani? Stando a un sondaggio realizzato su un campione di 1’000 persone, praticamente due intervistati su tre ritengono che Venezia sia delicata e vada tutelata. Il 38% è invece dell’opinione che limitare gli ingressi significherebbe la fine, anche perché il turismo ha già sofferto molto.

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

I contributi devono rispettare le nostre condizioni di utilizzazione. Se avete domande o volete suggerire altre idee per i dibattiti, contattateci!

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR