Navigation

Vaccini Covid, il richiamo per viaggiare sarà a pagamento

Il booster resta raccomandato (e gratuito) sono per i pazienti a rischio. Keystone / Michael Buholzer

Berna propone di rendere oneroso il booster, che attualmente è raccomandato in Svizzera solo alle persone vulnerabili con sistema immunitario precario. La decisione spetta ai Cantoni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2022 - 21:40
Keystone-ATS/spal

Chi desidera un'ulteriore dose di richiamo del vaccino contro il Covid-19 prima di viaggiare all'estero dovrà pagarsela di tasca propria. È quanto sostiene l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che martedì ha inviato una proposta in tal senso ai Cantoni per una consultazione fino al primo giugno.

Attualmente, l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la dose di richiamo con un preparato a mRNA solo per le persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, e previa consultazione con il proprio medico.

Dato però che con l'inizio della stagione delle vacanze sempre più persone la richiedono prima di viaggiare all'estero anche senza avere necessità mediche - si stima potrebbero essere fra le 10'000 e le 20'000 - Berna desidera che venga somministrata a pagamento.

Quest'ultimo dovrebbe avvenire sul posto. Ai Cantoni la competenza di organizzare i centri di vaccinazione e fissare gli appuntamenti. Il prezzo sarebbe fissato tenendo conto degli importi forfettari fissati dalla Confederazione e sarebbe da versare a quest'ultima.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?