Navigation

Un quartiere in un murales

tvsvizzera

La street-art romana, attenta alla realtà politica e culturale contemporanea

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2015 - 13:00

Sui muri delle città di tutto il mondo si moltiplicano i murales raffiguranti il dramma delle migrazioni, il tema ricorrente sono i viaggi della speranza, le tragedie in mare. Gli street artist sembrano mossi dall'intento comune, dalla necessità, di esprimersi su questa grave emergenza. Scene di forte significato spesso rappresentate con grande valore artistico.

Banksy, uccelli con cartelli intolleranti rsi

La drammatica attualità delle migrazioni coincide con l'evoluzione della street art. Gli street artist viaggiano di città in città esprimendosi con disegni e colori per la fruizione di tutti, fanno movimento, come i pittori del passato, come una corrente artistica. La street art deriva dal graffiti writing il cui obbiettivo dichiarato era quello di riconquistare gli spazi urbani lasciando sui muri la firma, ovvero il tag, o semplici immagini identificative del tutto personali. Successivamente gli street artist hanno sperimentato la potenza simbolica dell'immagine dipingendo opere sempre più condivisibili ed accurate. Il passo ulteriore di questa forma artistica popolare è l'interazione sempre maggiore con i fruitori delle opere.

Diavù & Co. all'opera rsi

Nel quartiere romano di Torpignattara periferia est di Roma, tre artisti hanno realizzato insieme un murale che raffigura tre famiglie immigrate, una realtà di immigrazione ed integrazione vissuta dal quartiere stesso in cui il dipinto appare. Le famiglie raffigurate sono di tre etnie diverse, immigrate a Roma in tre periodi distinti. Dall'immigrazione di italiani in Italia, quando dalle campagne di tutto il paese si emigrava verso le città. L'immigrazione dei cinesi in Italia, iniziata negli anni '80, fino alla più recente, quella degli immigrati dal Bangladesh. Gli street artist sono Diavù, Lucamaleonte e Nic Alessandrini.

Per approfondimenti, il sito di David Vecchiato 'Diavù'Link esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.