La televisione svizzera per l’Italia

Troppi coltelli detenuti dai giovani, lanciata campagna preventiva

In aumento i delitti con coltelli tra i giovani
In aumento i delitti con coltelli tra i giovani Keystone

Il numero di delitti perpetrati con lame e altre armi bianche è in aumento tra i minorenni in Svizzera. Per contrastare il fenomeno Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) lancia una campagna di sensibilizzazione.

Sempre più adolescenti e giovani adulti portano con sé coltelli, sia legali che illegali, quando escono, soprattutto la sera. All’origine di questo comportamento, indica il servizio intercantonale, c’è spesso l’errata convinzione che i coltelli servano a proteggere se stessi e gli amici.

Il problema è costituito dal fatto che poi, nel caso in cui certe situazioni degenerino, questi tipo di arma impropria viene utilizzato. Il numero di lesioni personali gravi e di omicidi tra i minori di 18 anni in cui erano coinvolti coltelli è infatti aumentato in modo significativo negli ultimi anni.

Mentre nel 2016 vi erano stati cinque omicidi e quattro casi di lesioni personali gravi con l’arma bianca, nel 2022 sono saliti rispettivamente a 12 e 25 casi.

Un tema ripreso dalla campagna “Tua madre non vuole venire a trovarti in prigione”, incentrata su un video di grande impatto in cui viene raccontata la storia di un gruppo di giovani che entra in conflitto con dei coetanei mentre girovagano per la città.

Quando uno dei ragazzi estrae un coltello, viene superato il limite dell’incoscienza giovanile e l’esito della storia viene lasciato aperto.

Lo scopo della campagna è mostrare che esistono alternative reali alla violenza e che avere un coltello con sé porta solo ad esasperare ulteriormente una situazione conflittuale, dichiara Fabian Ilg, direttore della PSC. “Il nostro obiettivo è spronare i giovani a lasciare il coltello a casa e a fare tutto il possibile per favorire una convivenza sicura e senza violenza.”

Attualità

testi di legge consultati da un uomo in blazer

Altri sviluppi

Hong Kong, 14 attivisti pro democrazia a rischio ergastolo

Questo contenuto è stato pubblicato al A Hong Kong 14 attivisti pro-democrazia rischiano l’ergastolo dopo essere stati giudicati colpevoli di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino 4 anni fa.

Di più Hong Kong, 14 attivisti pro democrazia a rischio ergastolo
il campo profughi di rafah distrutto

Altri sviluppi

La Svizzera condanna l’attacco su Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera ha condannato mercoledì con forza in seno al Consiglio di sicurezza dell'ONU il recente lancio di razzi su Israele da parte di Hamas e gli attacchi di Israele contro un campo per sfollati a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Di più La Svizzera condanna l’attacco su Rafah
insegna ubs al contrario

Altri sviluppi

Rimpasto ai vertici di UBS

Questo contenuto è stato pubblicato al La più grande banca elvetica ha deciso di apportare dei cambiamenti ai vertici, in particolare per quanto riguarda la gestione patrimoniale globale.

Di più Rimpasto ai vertici di UBS
Mascherine FFP2.

Altri sviluppi

Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo

Questo contenuto è stato pubblicato al Dei documenti pubblicati su ordine del Tribunale federale rivelano le pressioni esercitate sul Dipartimento federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport dal rivenditore Emix, che aveva promesso mascherine statunitensi di alta qualità e consegnato prodotti cinesi.

Di più Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo
fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR