Navigation

Ticino-Italia, nervi tesi

Puntata speciale di Falò, il settimanale di approfondimento di RSI, che mette a fuoco i nodi principali di una frontiera "difficile"

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2015 - 14:55

Il Ticino chiede più tasse e la presentazione obbligatoria del casellario giudiziale per i frontalieri, la Lombardia minaccia di finanziare uno sciopero degli stessi frontalieri impiegati in Ticino. I rapporti fra il Cantone e l'Italia non sono mai stati così difficili, tanto da mettere in crisi i negoziati fra Berna e Roma.

Pochi giorni fa la decisione a sorpresa del Governo ticinese di rinunciare in parte al provvedimento del casellario giudiziale per tentare di sbloccare il dialogo con l'Italia. Basterà? I problemi aperti sono tanti, dalla politica alle finanze, dalle famigerate Black list agli investimenti infrastrutturali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.