Navigation

Svizzera rifugio per ricchi durante la pandemia

A Gstaad c'è stato un aumento del 30-40% di richieste per acquisti immobiliari Keystone / Peter Klaunzer

La gestione svizzera della pandemia, risultata essere più liberale rispetto ad altri Paesi, ha attirato all’interno dei confini elvetici molti stranieri benestanti. A Gstaad, località di lusso per eccellenza, Marcel Bach, attivo nel settore immobiliare da 40 anni, ha ricevuto un terzo di richieste di acquisto in più rispetto alla norma. “Da tempo si osserva un ritorno alla natura e questa tendenza è stata accelerata dalla pandemia”, ha dichiarato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2021 - 15:49
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

Anche se dalle autorità cantonali non arrivano conferme (non si è registrato finora un “effetto Covid” sull’emissione dei permessi di dimora o domicilio), altri operatori nel settore immobiliare confermano un aumento del 30-40% di richieste da parte di cittadini italiani, tedeschi, britannici e russi. Anche il sindaco del Comune al quale appartiene Gstaad ha notato che la regione era più frequentata del solito: “Molte persone – racconta Toni Von Grünigen – si sentono più sicure qui e possono approfittare del verde”.

La Confederazione si è quindi ancora dimostrata essere uno Stato dove rifugiarsi e vivere quasi normalmente durante la crisi pandemica globale, che altrove ha messo un freno molto più importante alla normalità.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.