Navigation

L'acqua piovana non è più potabile da nessuna parte

Anche sugli altopiani del Tibet, dove si pensava che l'acqua fosse più o meno incontaminata, si ritrovano tracce importanti di PFAS. Keystone / Elizabeth Dalziel

Non vi è ormai più alcun posto al mondo in cui l'acqua piovana può essere considerata adatta al consumo. È la conclusione a cui giunge uno studio del Politecnico federale di Zurigo e dell'Università di Stoccolma.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2022 - 13:30
tvsvizzera.it/mar

Si chiamano PFAS, l'acronimo inglese che sta per Sostanze Perfluoro Alchiliche, e sono ormai presenti in abbondanza nelle acque piovane di tutto il pianeta. Analizzando dati raccolti dal 2010 ai quattro angoli del globo, le equipe di ricerca dell'ateneo zurighese e di quello di Stoccolma ne hanno trovato tracce dappertutto.

"In base ai dati che abbiamo utilizzato, non c'è nessun luogo sulla Terra in cui l'acqua piovana è potabile", ha dichiarato all'Agence France Presse Ian Cousins, professore dell'Università di Stoccolma e co-autore principale dello studioLink esterno, pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology.

Queste sostanze sono state trovate anche nell'acqua piovana in zone remote come l'Antartide o l'altipiano del Tibet. E in concentrazioni tali, da superare i valori guida fissati ad esempio dalle autorità statunitensi per l'acqua potabile.

Contenuto esterno

Le PFAS sono utilizzate in maniera massiccia dall'industria dagli anni Cinquanta del secolo scorso, per le loro proprietà impermeabilizzanti, ad esempio nella produzione di carta e cartone per uso alimentare, per rivestire le padelle antiaderenti o nella produzione di abbigliamento tecnico. Dal 2010 in Europa è vietato utilizzare una delle sottocategorie di queste PFAS, il perfluoroottano sulfonato, e dal 2020 vige un'interdizione anche per l'acido perfluoroottanoico. Più in generale, il valore limite di queste sostanze è stato costantemente abbassato negli ultimi anni.

Ciò malgrado, "queste sostanze continuano a essere rilevate nell’ambiente, nella catena alimentare e nell’essere umano", scrive l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinariaLink esterno.

Prodotti chimici eterni

Noti anche come "i prodotti chimici eterni", perché si disintegrano molto lentamente, le PFAS, una volta ingerite tramite l'acqua potabile o determinati alimenti, si accumulano nell'organismo. Alcuni studi suggeriscono che queste sostanze possono influire sulla fertilità e sullo sviluppo del feto. Possono anche comportare un aumento del rischio di obesità o di alcuni tipi di cancro (prostata, reni e testicoli) e un aumento dei livelli di colesterolo.

"Non vogliamo far preoccupare la gente, ma dire che c'è un problema – ha sottolineato Martin Scheringer, professore di chimica organica ambientale al Politecnico di Zurigo e co-autore dello studio. Come società abbiamo usato troppe PFAS. Ora siamo costretti a vivere con il rischio di queste sostanze già presenti nell'acqua ma per il futuro dobbiamo toglierle dai prodotti. È compito delle autorità ma anche dei consumatori. Se ad esempio compro dei vestiti per fare escursioni, devo chiedere che siano impermeabilizzati senza fluoro. Ci sono marche che li offrono".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?