Navigation

Il sovranista Orban si difende all'Europarlamento

Il premier magiaro Viktor Orban contesta all'Europarlamento la relazione che critica il suo paese in tema di migranti e diritti civili Keystone


Questo contenuto è stato pubblicato il 11 settembre 2018 - 21:02
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG dell'11.9.2018)

Alla vigilia del voto del parlamento europeo sulle sanzioni all'Ungheria, per i suoi continui attacchi allo stato di diritto, il premier magiaro Viktor Orban ha sfidato apertamente a Strasburgo l'Ue.


La partita, il cui esito è tutt'altro che scontato, si gioca all'interno del gruppo popolare (Pe) cui il leader ungherese, icona dei sovranisti di tutta Europa, appartiene ma all'interno del quale non gode di troppi favori. Per attivare l'articolo 7 del Trattato UeLink esterno, che prevede la sospensione del diritto di voto in seno al Consiglio di un paese membro, occorre la maggioranza qualificata (due terzi dei suffragi).

Per i suoi avversari sono in gioco i valori fondanti liberali della stessa Europa che Budapest, con le sue politiche anti-immigrati e i suoi attacchi all'autonomia della stampa e dei giudici, ha messo in discussione. Ma il capo del governo ungherese, davanti agli europarlamentari, non ha voluto recedere di un millimetro.

"Non accetteremo minacce e ricatti delle forze pro-immigrazione. Difenderemo le nostre frontiere, fermeremo l'immigrazione clandestina anche contro di voi se necessario", ha affermato Viktor Orban. "Ho accettato compromessi" sul sistema giudiziario e elettorale, ma "questa relazione vuole buttare alle ortiche accordi conclusi da anni", ha continuato il premier magiaro, che si è detto risoluto nel "difendere la patria" e i suoi confini.

Il voto sulla relazione, che rappresenta un inedito nella breve storia dell'Ue, potrebbe anche scompaginare gli schieramenti tradizionali e creare nuove alleanze in vista delle elezioni del maggio 2019. Un appuntamento che potrebbe preludere al crollo dell'Ue sotto i colpi dei sovranisti.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.