Navigation

Come nasce una pietra da curling

È in Scozia, in una piccola azienda a conduzione familiare, che vengono fabbricate le 'stones' più performanti. La visitiamo insieme al TG della Radiotelevisione svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2016 - 14:12

Ailsa Craig, in italiano "la pietra di Elisabetta", è una piccola isola scozzese da dove si ricava il granito usato per fabbricare le pietre da curling. Da un secolo, una piccola azienda a conduzione familiare fornisce tonnellate di granito verde e blu alla fabbrica di Mauchline, in Scozia.

È qui che comincia il lavoro. Prima tappa: tagliare il granito verde, parte essenziale della pietra. Seconda tappa: applicare alle due estremità uno strato di granito blu molto fine e impermeabile, fondamentale per scivolare al meglio. Assemblare i due graniti diversi è dunque la formula magica della rinomata fabbrica di Mauchline.

Una pietra da curling pesa 18 chili e 100 grammi. La precisione del peso dipende da un lavoro di fabbricazione molto minuzioso. La lucidatura è un elemento importantissimo che richiede una precisione millimetrica, solo così la pietra scivola alla perfezione.

Le Kays of Scotland [cfr. video] sono le migliori al mondo. L'orgoglio del titolare Bill Hunter è legittimo: "Siamo molto fieri. Abbiamo concepito e realizzato queste pietre di curling che scivolano sul ghiaccio in modo unico."

Una pietra come questa costa mille franchi. La garanzia dura ben un secolo!

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.