La televisione svizzera per l’Italia

Sotto crack al volante: condannato un ministro cantonale

primo piano di beat villiger
L'ex consigliere di Stato ha guidato sotto effetto di stupefacenti. © Keystone / Michael Buholzer

L'ex ministro cantonale di Zugo Beat Villiger (Centro) ha fatto uso di droghe durante il suo mandato.  

Il Ministero pubblico di Lucerna ha condannato il 65enne ex consigliere di Stato zughese Beat Villiger a una pena pecuniaria sospesa per essersi messo alla guida nell’estate del 2022 dopo aver consumato crack. 

In mancanza di ricorsi, il relativo decreto d’accusa emesso dalla Procura cantonale è passato in giudicato lo scorso mese di marzo, ha dichiarato a Keystone-ATS il portavoce del Ministero pubblico di Lucerna, Simon Kopp, confermando una notizia del portale online “Zentralplus”. 

Villiger è stato condannato a una pena pecuniaria con la condizionale di 40 aliquote giornaliere da 80 franchi e a una multa di 900 franchi per consumo di stupefacenti illegali e guida sotto l’effetto di droghe. A ciò si aggiungono le spese processuali. 

Secondo “Zentralplus”, Villiger aveva consumato lo stupefacente in un hotel di Lucerna nell’agosto del 2022, quando era ancora ministro della sicurezza, e il giorno successivo si era messo al volante di un’auto in condizioni di inattitudine alla guida nel quartiere di Geissenstein, dove è stato controllato dalla polizia. 

Pochi giorni dopo, il 5 settembre, il consigliere di Stato ha chiesto, su suggerimento del medico, un congedo e il 19 ottobre si è dimesso con effetto immediato, ufficialmente per motivi di salute. 

Il suo mandato sarebbe comunque terminato alla fine del 2022, visto che non era candidato alle elezioni cantonali che si sono tenute il 2 ottobre. Di professione fiduciario, Villiger era entrato in Consiglio di Stato nel 2007. 

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR