Navigation

Sempre più grigionesi vogliono imparare l'italiano

A scuola di italiano. Keystone / Monika Flueckiger

I grigionesi vogliono imparare una lingua nazionale e desiderano che questo sia l'italiano. Lo ha constatato la Pro Grigioni italiano dopo aver incontrato i partecipanti ai corsi di italiano per adulti offerti a Poschiavo nel 2020 e nel 2021.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2021 - 15:30
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS

Negli ultimi due anni sono stati 73 i partecipanti adulti ai corsi offerti dall'Albergo Croce Bianca di Poschiavo. I percorsi formativi durano una settimana, sono strutturati su tre livelli di apprendimento e quasi il 20 percento dei corsisti è di provenienza grigionese. Così ha comunicato oggi a Keystone-ATS l'organizzatrice Karin Zanolari, moglie del direttore e titolare dell'albergo.

Quadruplicato il numero di iscritti

Rispetto all'anno scorso, quest'anno il numero di partecipanti si è praticamente quadruplicato. Ciò grazie alla nuova e migliore situazione legata alla pandemia. Le unità formative non prevedono solo l'insegnamento della lingua italiana, bensì anche la conoscenza della realtà sociale, culturale ed enogastronomica della Valposchiavo, quindi in gran parte anche di tutto il Grigioni italofono.

"Una vicinanza del cuore"

Dalla nota della Pro Grigioni Italiano (PGI), fra le motivazioni più frequenti per cui queste persone adulte desiderano imparare l'italiano, emerge il bisogno di comunicare nella lingua di Dante con parenti e conoscenti italofoni, oppure nei periodi di vacanza e di viaggio nella Svizzera italiana e in Italia, oppure ancora per la semplice ragione che l'italiano è una lingua nazionale ed è bella. Una signora di lingua romancia si è espressa così parlando con l'operatore culturale della PGI Giovanni Ruatti: "Sentiamo una vicinanza geografica e politica con il Grigioni Italiano, ma anche una vicinanza del cuore. Siamo vicini di casa, abbiamo un carattere simile e a livello culturale e linguistico lottiamo per gli stessi scopi".
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.