Truffatori in agguato Ristrutturare casa, a volte non basta pagare...

Di Michele Rauch e Gioele Di Stefano, Patti Chiari (RSI)

Gli spiacevoli inconvenienti cui si può andare incontro affidando i lavori a ditte poco serie: la legge in alcuni casi sembra tutelare i furbi. 

L’anno scorso un privato in Ticino, Christian Vitali, aveva affidato la costruzione del garage di casa sua a una piccola impresa. Di questi tempi bisogna muoversi con i piedi di piombo e Christian era convinto di essere stato previdente: nessun acconto alla ditta, ma pagamenti in funzione dell’avanzamento dei lavori.

E via via che i lavori procedono, lui paga senza batter ciglio: fino all’ultimo centesimo.

Tutto bene? Non proprio, perché, a febbraio di quest’anno, arriva la doccia fredda: una raccomandata dal pretore gli ingiunge di pagare ancora. E la fattura è salata: un importo di oltre 20 mila franchi!

Christian scopre così che l’impresa che ha costruito il suo garage si è intascata tutto il denaro e non ha saldato le fatture alla ditta che ha fornito il cemento e il ferro. E il fornitore ora viene a batter cassa da lui. Chi ha ragione? La risposta incredibile a Patti chiari (l'estratto del regolamentoLink esterno).



Parole chiave