Navigation

Clima: gli esperti dell'ONU più pessimisti che mai

In assenza di una sterzata decisa, gli impatti del riscaldamento climatico rischiano di essere devastanti. Keystone / Martin Meissner

Il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico avverte: un riscaldamento globale al di sopra della soglia fissata dall'accordo di Parigi sul clima avrebbe "impatti irreversibili sui sistemi umani".

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 giugno 2021 - 14:27
Keystone-ATS/mar

Se si raggiungeranno i +2 gradi centigradi anziché +1,5 rispetto all'era pre-industriale, circa 420 milioni di persone in più sulla Terra dovranno affrontare "ondate di caldo estremo" e fino a 80 milioni di persone in più nel mondo potrebbero essere minacciate dalla fame.

È uno degli avvertimenti contenuti nella bozza del rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc) dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

Contenuto esterno

Carenza d'acqua, esodo, malnutrizione, estinzione delle specie: la vita sulla Terra come la conosciamo sarà inevitabilmente trasformata dal cambiamento climatico quando i bambini nati nel 2021 avranno 30 anni o anche prima, mette in guardia l'Ipcc.

Qualunque sia il tasso di riduzione delle emissioni di gas serra, gli impatti devastanti del riscaldamento globale sulla natura e sull'umanità che da esso dipende accelereranno - assicura la bozza di rapporto - e diventeranno dolorosamente palpabili ben prima del 2050. "La vita sulla Terra può riprendersi dai grandi cambiamenti climatici evolvendosi in nuove specie e creando nuovi ecosistemi - osserva l'Ipcc , ma l'umanità non può".

Il rapporto di valutazione completo da 4.000 pagine, molto più allarmistico del precedente del 2014, mira a indirizzare le prossime decisioni politiche. Sebbene le sue principali conclusioni non cambieranno, non sarà pubblicato ufficialmente fino a febbraio 2022, dopo la sua approvazione per consenso da parte dei 195 Stati membri.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.