Navigation

Quando le vacanze si fanno nel passato

La pandemia ha cambiato il modo di fare vacanze e sempre più persone decidono di trascorrerle all’interno dei confini elvetici: case di vacanza, camper e campeggi sono sempre più gettonati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2021 - 09:25
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

Un successo che tocca anche la cinquantina di dimore antiche della fondazione Vacanze in edifici storiciLink esterno messe a disposizione dei turisti. Nel 2020 i pernottamenti in queste strutture sono aumentati di un terzo, raggiungendo quota 30'000. Cifre in aumento anche nel 2021: “Lo scorso anno abbiamo raggiunto un’occupazione del 70%. Attualmente abbiamo già superato questa cifra e ne siamo felici.”: a dirlo è la direttrice della fondazione Kerstin Camenisch.

L’obiettivo principale non sono però i pernottamenti, ma la conservazione di questi edifici antichi: “La cultura edile ci collega alla nostra patria, al nostro modo di essere, alla nostra storia. (…) Se lasciamo perdere questi edifici, è come se perdessimo una parte della nostra identità”, conclude.  


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.