Navigation

Locarno 71, il volto umano del Festival

Direttore operativo, presidente, direttore artistico e vice-direttrice artistica hanno presentato il programma in mattinata a Berna e in serata a Bellinzona (foto). Keystone

Più commedie, più piccole storie, una commemorazione dei 70 anni della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, ma anche ospiti illustri. È quanto contempla il programma del 71esimo Locarno festival, presentato mercoledì.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 luglio 2018 - 21:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano e TG del 11.07.2018)

La rassegna cinematograficaLink esterno, che si terrà dal 1° al 10 agosto prossimi, avrà al centro l'essere umano. 

"Il programma di quest’anno", ha detto il direttore artistico Carlo Chatrian, "mostra film che, al posto di rappresentare i conflitti che agitano il pianeta, si concentrano su storie private, lasciando però risuonare il presente come il rimbombo di un temporale".

Locarno Festival continuerà a fregiarsi delle proiezioni serali all'aperto nella piazza Grande, che può ospitare fino a 8'000 spettatori.

Un film da 14 ore

I 15 film del concorso internazionaleLink esterno -dei quali 13 in prima mondiale- provengono da 15 paesi diversi, tra i quali la Svizzera. La pellicola che farà più discutere è argentina: si intitola 'La Flor' e dura 14 ore: la più lunga della storia del Festival.

"Locarno 71" è l'ultima edizione firmata da Chatrian, che si appresta ad assumere la direzione artistica del Festival internazionale del cinema di Berlino.

Contenuto esterno

Ad aprire la rassegna sarà un corto, 'Liberty' dello statunitense Leo McCarey, una commedia interpretata dalla coppia Stan Laurel/Oliver Hardy. Al regista Mc Carey è dedicata la retrospettiva di questa Locarno.

Il 'red carpet'

Ethan Hawke, uno degli ospiti di maggiore richiamo, riceverà l'Excellence Award e porterà la sua quarta opera da regista 'Blaze', ritratto del musicista e compositore Blaze Foley.

Il regista francese Bruno Dumont, che riceverà un Pardo d'onore, presenterà in prima mondiale una mini-serie intitolata 'Coin-Coin e le z'inhumains'.

Contenuto esterno

Tra gli ospiti illustri figurano anche Isabella Ragonese, Diego Abatantuono, Jean Dujardin (premio Oscar per 'The Artist') e lo scrittore e regista Emmanuel Carrère.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.