Navigation

Povertà minorile in aumento

Contenuto esterno

Quasi 20 milioni i bambini crescono in povertà in Europa, malgrado questa sia una delle regioni più ricche al mondo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2021 - 13:16
tvsvizzera.it/mrj

Sono cifre diffuse da un rapporto di Save the Children, che ha preso in esame 14 Stati del Vecchio continente (Danimarca, Finlandia, Svezia, Germania, Italia, Spagna, Bosnia-Erzegovina, Romania e Albania).

I più vulnerabili sono i bimbi che vivono in famiglie numerose o monoparentali, quelli con un background migratorio, con disabilità, o appartenenti a minoranze etniche.

Naturalmente le differenze sono enormi tra Paese e Paese: se il tasso di povertà minorile sfiora il 50% in Albania, si riduce al 25-28% per in Italia e Germania e scende al 12% in Danimarca.

La pandemia ha avuto un impatto sulla povertà infantile, riportando il tasso medio nell’UE al 23,7%, ossia in aumento rispetto agli ultimi tre anni, che erano stati segnati da un costante calo.

Alla luce di queste cifre Save The Children chiede ai Governi di agire rapidamente per mettere in atto la Garanzia europea per l’infanzia. L’impegno dell’UE è di far uscire dalla povertà 5 milioni di bambini entro il 2030, stanziando 88 miliardi di euro a questo scopo.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.