Navigation

Si rinnova l'impegno per il Monte San Giorgio

Il San Giorgio è tra i più importanti giacimenti fossiliferi del Triassico Medio al mondo (immagine d'archivio). Keystone

Si sono riuniti lunedì ad Arcisate gli enti italiani e svizzeri coinvolti nella gestione del Monte San Giorgio. L'obiettivo è varare un nuovo piano che continui a garantire la valorizzazione del sito, patrimonio mondiale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2018 - 20:55
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 26.02.2018)

Il nuovo piano di gestione congiunta, che punterà a conservare i valori sui quali si basa l'iscrizione UnescoLink esterno, costerà 45'000 franchi (circa 40 mila euro) e dovrà essere pronto per la fine del 2018. Il seminario che si è aperto ad Arcisate ne fisserà le linee guida.

Contenuto esterno

​​​​​​​

Il Monte San GiorgioLink esterno è tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo del Triassico Medio, epoca geologica compresa tra 247 e 237 milioni di anni fa. L'Unesco, che identifica e promuove la tutela dei patrimoni naturali e culturali, lo ha riconosciuto nel 2003 per il versante svizzero e nel 2010 su quello italiano.

End of insertion

Il coordinamento dei lavori per migliorare il piano di gestione varato dieci anni fa è stato affidato a Pierre Galland, consulente indipendente Unesco.

Contenuto esterno

"La gestione scientifica funziona molto bene, informiamo la gente attraverso i musei", osserva l'esperto di fama internazionale. "Ma bisogna incentivare la coordinazione tra i due Paesi", migliorando "le relazioni pubbliche, le infrastrutture turistiche" con "una maggiore visione d' insieme".

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?