La televisione svizzera per l’Italia

Passi avanti nella risoluzione del conflitto libico

due persone su un palco
Il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas e la sua omologa libica Najla al-Mangoush nella conferenza stampa al termine della conferenza. Keystone / Michael Sohn

Riuniti a Berlino, i principali attori del conflitto che da anni lacera la Libia hanno discusso di elezioni e di partenza dei mercenari stranieri. Tra i Paesi in prima fila alla conferenza di pace c'era anche la Svizzera.

A sei mesi dalle elezioni del prossimo 24 dicembre, in un momento strategico importante per sostenere il processo politico di un Paese sulla via della pacificazione ma ancora gravemente frammentato, si è tenuta mercoledì a Berlino la seconda Conferenza sulla Libia.

Fra le varie questioni sul tavolo due erano particolarmente cruciali: il sostegno al percorso che porterà appunto al voto, sul quale ancora incombono ancora dei dubbi anche di natura giuridica, e il nodo ingombrante dei 20’000 mercenari stranieri, che non lasciano il Paese.

Intesa apparente sulle truppe straniere

“Abbiamo compiuto dei progressi per quanto concerne i mercenari e speriamo che nei prossimi giorni si ritireranno da entrambe le parti”, ha dichiarato la responsabile della diplomazia libica Najla al-Mangoush al termine dell’incontro.

“Tutte le forze straniere e i mercenari devono ritirarsi dalla Libia senza indugio”, si legge nel testo finale della conferenza. Nel documento si precisa però che la Turchia, uno dei Paesi presenti militarmente in Libia, ha inserito una riserva su questo argomento, senza però fornire ulteriori dettagli.

Per quanto concerne le elezioni, il Governo di transizione, diretto dal primo ministro Abdelhamid Dbeibah, ha ribadito il suo impegno a organizzare lo scrutinio. Prima della conferenza vi erano dei dubbi sulla sua reale volontà di indire delle elezioni.

“È necessario che la missione delle Nazioni Unite prenda tutte le misure in questa direzione e si assuma le sue responsabilità affinché le elezioni si tengano alla data prevista”, ha sottolineato Ahmad al-Misrari, portavoce dell’autoproclamato Esercito Nazionale Libico, guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte dell’est del paese.

Contenuto esterno

Il ruolo della Svizzera

A partecipare alla conferenza di Berlino vi era pure il ministro degli esteri elvetico Ignazio Cassis.

La Svizzera si è impegnata a promuovere l’affermarsi di condizioni favorevoli per una pace duratura in Libia, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Cassis ha ricordato i progressi compiuti, come l’accordo di cessate il fuoco firmato lo scorso ottobre a Ginevra.

Una delle priorità espresse dalla Confederazione è lo svolgimento di libere elezioni il prossimo dicembre. La situazione rimane però instabile, proprio per questo Berna continua a impegnarsi appieno a favore della stabilizzazione del Paese. Dal febbraio 2020, in qualità di stato ospite, la Svizzera ha promosso lo svolgimento di sette riunioni.

Contenuto esterno




Attualità

Studenti davanti al computer.

Altri sviluppi

Liceo, quattro anni per tutti

Questo contenuto è stato pubblicato al La riforma vuole uniformare in tutta la Confederazione la durata dei corsi alle scuole superiori per l'ottenimento della maturità.

Di più Liceo, quattro anni per tutti
Tessere sanitarie su un tavolo.

Altri sviluppi

Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista di un nuovo sistema tariffario, voluto dal Governo per tentare di calmierare la spesa sanitaria, le assicurazioni hanno deciso di creare una nuova organizzazione unitaria che ponga fine all'attuale duopolio.

Di più Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono
Il ristorante a Muri (AG) verso cui si sono rivolte le attenzioni degli inquirenti.

Altri sviluppi

Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese

Questo contenuto è stato pubblicato al L'imputato era sospettato di legami con la cosca calabrese Anello-Fruci di Vibo Valenzia. In precedenza erano stati inflitti 11 anni a operaio comunale del Luganese.

Di più Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese
vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR