Navigation

Parigi rallenta e gli animi si scaldano

Contenuto esterno

Lunedì mattina è entrato in vigore a Parigi il limite dei 30 chilometri orari per le strade del centro città. Una misura voluta dalla sindaca Anne Hidalgo per migliorare la sicurezza di pedoni e ciclisti sulle strade, diminuire il rumore e lo stress, ma che non proteggerebbe l'ambiente: secondo gli esperti, infatti, le auto inquinano di più a 30 km/h che a 50 km/h.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2021 - 21:44

Gli automobilisti sono già sul piede di guerra: “Ero stressato prima e continuo ad essere stressato. Tutti i miei colleghi mi chiedono cosa stia succedendo. Molti tassisti lasceranno questo lavoro per questo motivo. Andare a 30 chilometri orari con macchine che fanno i 260? Davvero incomprensibile!”, si sfoga uno di loro.

Per i rappresentanti degli automobilisti si tratta di “un provvedimento grottesco e impossibile da rispettare”.

Questa misura favorisce solo i facoltosi residenti del centro (appena uno su tre possiede un'auto) e penalizza chi vive in periferia: questa l’accusa dei detrattori della sindaca Hidalgo che ha lanciato questo provvedimento cavalcando l'onda ecologista del post-lockdown.




I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.