Navigation

Oppositore di Lukashenko ritrovato senza vita

È giallo in Ucraina sul ritrovamento del corpo senza vita di Vitaly Shishov, attivista bielorusso pro-democrazia e oppositore al regime di Alexandr Lukashenko, che da un anno viveva in esilio in Ucraina, a Kiev, dopo aver partecipato a delle manifestazioni contro il regime di Minsk. A denunciarne la scomparsa lunedì era stata la fidanzata che non lo ha visto tornare a casa dopo che era uscito a fare jogging. Stando ai primi indizi si sarebbe trattato di suicidio ma i dubbi non mancano e in molti parlano di un omicidio ordinato dal capo di Stato bielorusso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2021 - 21:09
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

Shishov era a capo dell'organizzazione "Casa bielorussa", che, oltre ad organizzare azioni di protesta a distanza, aiuta gli oppositori di Lukashenko a rifugiarsi in Ucraina, destinazione principale per chi cerca di sfuggire alle persecuzioni. Adesso gli attivisti accusano Minsk di aver organizzato il suo assassinio. Anche la polizia ucraina non intende fermarsi alle apparenze e ha aperto un'inchiesta per omicidio.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.