Navigation

Zone cuscinetto in Siria, intesa a tre ad Astana

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2017 - 13:39
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 5.5.2017)

Russia, Turchia e Iran hanno raggiunto ad Astana un’intesa per rendere operativa una tregua in Siria. Il memorandum sottoscritto in Kazakistan, che è già stato respinto però dalle milizie che si oppongono al regime di Bashar al-Assad, istituisce 4 zone cuscinetto dove verranno sospesi i combattimenti e i civili potranno far ritorno nelle loro case.

Le aree di sicurezza si trovano nella provincia di Idlib, ad Homs e Damasco e lungo il confine con la Giordania dove milioni di persone sono assediate dalle forze lealiste. Molti restano però i punti critici dell’intesa di Astana.

I ribelli hanno infatti definito inaccettabile un cessate il fuoco che non comprenda tutto il territorio della Siria e rifiutano il ruolo dell’Iran e delle milizie ad esso legate come garanti della tregua.

In ogni caso il memorandum costituisce “un passo nella giusta direzione”, secondo l’inviato dell’ONU Staffan De Mistura che si trovava ad Astana in vista dei colloqui di pace che si terranno a Ginevra la prossima settimana.

Ma nell’intricato scacchiere siriano è difficile trovare soluzioni accettate da tutti, anche tra le stesse forze che dovrebbero trovarsi sullo stesso fronte, come nel caso di turchi e curdi, alleati degli USA, nei confronti dell’Isis.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.