La televisione svizzera per l’Italia

Nemo riporta l’Eurovision in Svizzera

nemo
Nemo può sorridere. La 68esima edizione dell'Eurosong è sua. KEYSTONE/Copyright 2024 The Associated Press. All rights reserved.

Il cantante di Bienne ha trionfato sabato sera a Malmö, in Svezia, nella finale dell'Eurovision Song Contest.

Nemo ce l’ha fatta: per la terza volta nella storia un artista che rappresenta la Svizzera ha vinto l’Eurovision Song Contest. Nel 1956 l’onore era toccato a Lys Assia, mentre nel 1988 a trionfare era stata la cantante del Quebec Céline Dion.

Nella serata finale, Nemo e il suo brano The Code hanno totalizzato 591 punti. L’artista di Bienne, nel Canton Berna, ha preceduto la Croazia, con 547 punti. L’Ucraina si è classificata terza, mentre Israele è arrivato quinto.

Contenuto esterno

“Spero che questo concorso possa continuare a incoraggiare la pace e favorire la dignità di tutti”, ha dichiarato un emozionato Nemo al momento di ricevere il premio. Il cantante ha poi eseguito per la seconda volta sul palco la sua canzone.

Con questo brano, il 24enne artista non binario evoca il fatto di non sentirsi né maschio né femmina e la strada che ha percorso per trovare la sua identità. Anche dal punto di vista musicale il brano, scritto in inglese, è molto vario, con elementi di rap, drum and bass e opera.

Nemo sul palco
Un mix di rap, drum and bass e opera: la canzone The Code di Nemo ha conquistato il pubblico. KEYSTONE/Copyright 2024 The Associated Press. All rights reserved.

Per un Paese come la Svizzera, avere una canzone che incorpora la non-binarietà non è cosa da poco, ha dichiarato Nemo alla conferenza stampa che ha seguito il concorso. Ha sottolineato che attualmente in Svizzera non esiste un terzo pronome ufficiale e ha lanciato un appello per una migliore rappresentazione della comunità non binaria in politica.

+ La Svizzera all’Eurovision Song Contest e i suoi variopinti alti e bass

Terzo titolo

Con la vittoria di quest’anno, Nemo ha regalato alla Svizzera il suo terzo titolo, dopo oltre trent’anni. Lys Assia, del Canton Argovia, aveva vinto nel 1956, in occasione della prima edizione della rassegna canora tenutasi a Lugano, seguita da Céline Dion del Quebec nel 1988. “Questo trofeo è molto speciale per la Svizzera, ha dichiarato Nemo. Non è sempre facile per gli artisti di questo Paese farsi conoscere al di fuori dei suoi confini”.

Contenuto esterno

L’artista ha ricevuto le congratulazioni di numerose personalità politiche, tra cui la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider. Questa vittoria è il riconoscimento delle molteplici doti e della personalità di questo talento musicale, ha dichiarato su X la ministra responsabile della cultura. 

Contenuto esterno

Zurigo, Berna, Ginevra o Basilea

Come da tradizione, la Svizzera potrà così ospitare l’Eurovision Song Contest il prossimo anno. Le città di Zurigo, Berna, Ginevra e Basilea sono state evocate come possibili sedi da Yves Schifferle, capo della delegazione svizzera per l’Eurovision.

Clima teso

L’edizione 2024 di Eurovision è stata segnata da polemiche, in particolare per la partecipazione di Israele, nel pieno della guerra nella Striscia di Gaza.

All’inizio della competizione, all’esterno della sede, un gran numero di agenti di polizia ha disperso un centinaio di manifestanti filo-palestinesi, tra cui Greta Thunberg, più nota per le sue posizioni sul cambiamento climatico, ma che di recente ha inviato una serie di messaggi sulla questione.

Per garantire la sicurezza dell’evento – e dei 100’000 appassionati e appassionate provenienti da 90 Paesi – la polizia di Malmö ha mobilitato rinforzi da tutta la Scandinavia, oltre che da Danimarca e Norvegia. Secondo la polizia, nelle strade della terza città svedese, dove vive la maggior parte della popolazione svedese di origine palestinese, più di 5’000 persone hanno marciato pacificamente per protestare contro la partecipazione di Israele.

Attualità

Carcerato palestinese prega dietro le sbarre a Gaza.

Altri sviluppi

L’inferno delle carceri israeliane

Questo contenuto è stato pubblicato al Abusi, trattamenti degradanti, pazienti incatenati ai letti. È la denuncia di un informatore israeliano che ha lavorato nell’infermeria di un carcere dove l'IFD - l’esercito dello Stato ebraico - imprigiona le persone catturate nella Striscia di Gaza.

Di più L’inferno delle carceri israeliane
Studenti davanti al computer.

Altri sviluppi

Liceo, quattro anni per tutti

Questo contenuto è stato pubblicato al La riforma vuole uniformare in tutta la Confederazione la durata dei corsi alle scuole superiori per l'ottenimento della maturità.

Di più Liceo, quattro anni per tutti
Tessere sanitarie su un tavolo.

Altri sviluppi

Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista di un nuovo sistema tariffario, voluto dal Governo per tentare di calmierare la spesa sanitaria, le assicurazioni hanno deciso di creare una nuova organizzazione unitaria che ponga fine all'attuale duopolio.

Di più Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono
Il ristorante a Muri (AG) verso cui si sono rivolte le attenzioni degli inquirenti.

Altri sviluppi

Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese

Questo contenuto è stato pubblicato al L'imputato era sospettato di legami con la cosca calabrese Anello-Fruci di Vibo Valenzia. In precedenza erano stati inflitti 11 anni a operaio comunale del Luganese.

Di più Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese
vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR