La televisione svizzera per l’Italia

Nemo riporta l’Eurovision in Svizzera

nemo
Nemo può sorridere. La 68esima edizione dell'Eurosong è sua. KEYSTONE/Copyright 2024 The Associated Press. All rights reserved.

Il cantante di Bienne ha trionfato sabato sera a Malmö, in Svezia, nella finale dell'Eurovision Song Contest.

Nemo ce l’ha fatta: per la terza volta nella storia un artista che rappresenta la Svizzera ha vinto l’Eurovision Song Contest. Nel 1956 l’onore era toccato a Lys Assia, mentre nel 1988 a trionfare era stata la cantante del Quebec Céline Dion.

Nella serata finale, Nemo e il suo brano The Code hanno totalizzato 591 punti. L’artista di Bienne, nel Canton Berna, ha preceduto la Croazia, con 547 punti. L’Ucraina si è classificata terza, mentre Israele è arrivato quinto.

Contenuto esterno

“Spero che questo concorso possa continuare a incoraggiare la pace e favorire la dignità di tutti”, ha dichiarato un emozionato Nemo al momento di ricevere il premio. Il cantante ha poi eseguito per la seconda volta sul palco la sua canzone.

Con questo brano, il 24enne artista non binario evoca il fatto di non sentirsi né maschio né femmina e la strada che ha percorso per trovare la sua identità. Anche dal punto di vista musicale il brano, scritto in inglese, è molto vario, con elementi di rap, drum and bass e opera.

Nemo sul palco
Un mix di rap, drum and bass e opera: la canzone The Code di Nemo ha conquistato il pubblico. KEYSTONE/Copyright 2024 The Associated Press. All rights reserved.

Per un Paese come la Svizzera, avere una canzone che incorpora la non-binarietà non è cosa da poco, ha dichiarato Nemo alla conferenza stampa che ha seguito il concorso. Ha sottolineato che attualmente in Svizzera non esiste un terzo pronome ufficiale e ha lanciato un appello per una migliore rappresentazione della comunità non binaria in politica.

+ La Svizzera all’Eurovision Song Contest e i suoi variopinti alti e bass

Terzo titolo

Con la vittoria di quest’anno, Nemo ha regalato alla Svizzera il suo terzo titolo, dopo oltre trent’anni. Lys Assia, del Canton Argovia, aveva vinto nel 1956, in occasione della prima edizione della rassegna canora tenutasi a Lugano, seguita da Céline Dion del Quebec nel 1988. “Questo trofeo è molto speciale per la Svizzera, ha dichiarato Nemo. Non è sempre facile per gli artisti di questo Paese farsi conoscere al di fuori dei suoi confini”.

Contenuto esterno

L’artista ha ricevuto le congratulazioni di numerose personalità politiche, tra cui la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider. Questa vittoria è il riconoscimento delle molteplici doti e della personalità di questo talento musicale, ha dichiarato su X la ministra responsabile della cultura. 

Contenuto esterno

Zurigo, Berna, Ginevra o Basilea

Come da tradizione, la Svizzera potrà così ospitare l’Eurovision Song Contest il prossimo anno. Le città di Zurigo, Berna, Ginevra e Basilea sono state evocate come possibili sedi da Yves Schifferle, capo della delegazione svizzera per l’Eurovision.

Clima teso

L’edizione 2024 di Eurovision è stata segnata da polemiche, in particolare per la partecipazione di Israele, nel pieno della guerra nella Striscia di Gaza.

All’inizio della competizione, all’esterno della sede, un gran numero di agenti di polizia ha disperso un centinaio di manifestanti filo-palestinesi, tra cui Greta Thunberg, più nota per le sue posizioni sul cambiamento climatico, ma che di recente ha inviato una serie di messaggi sulla questione.

Per garantire la sicurezza dell’evento – e dei 100’000 appassionati e appassionate provenienti da 90 Paesi – la polizia di Malmö ha mobilitato rinforzi da tutta la Scandinavia, oltre che da Danimarca e Norvegia. Secondo la polizia, nelle strade della terza città svedese, dove vive la maggior parte della popolazione svedese di origine palestinese, più di 5’000 persone hanno marciato pacificamente per protestare contro la partecipazione di Israele.

Attualità

L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia
Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR