Navigation

Migranti, estese le sanzioni UE alla Bielorussia

Contenuto esterno

Resta alta la tensione alla frontiera polacca. Oggi il Consiglio Ue, dopo una riunione dei ministri degli Esteri dei 27, ha approvato l'estensione delle sanzioni nei confronti della Bielorussia, che permette a Bruxelles di colpire individui ed entità che organizzano o contribuiscono ad attività del regime di Lukashenko che facilitano l'attraversamento illegale delle frontiere esterne dell'Ue. Tra di esse le compagnie aeree che stanno trasportando migranti dal Medio Oriente a Minsk. Da parte sua il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha duramente replicato: "Pensano che io stia scherzando, che sia una minaccia vuota. Niente del genere: combatteremo, abbiamo raggiunto il limite, non c'è spazio per una ritirata".

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2021 - 13:21

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.