Navigation

Una vita da "influencer"

Il marketing di nuova generazione non cerca più attori di Hollywood come testimonal, ma perfetti sconosciuti, almeno nella vita reale. Stiamo parlando degli influencer, individui molto seguiti sui social network, che grazie al web spesso hanno saputo crearsi un vero e proprio lavoro. Il servizio della Radiotelevisione svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2017 - 20:49
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 27.04.2017)

 

Contenuto esterno

Pubblicare fotografie su Instagram o video su Youtube può diventare davvero redditizio. Valeria e Adi, alias Little City, sono un caso esemplare. Per loro postare contenuti online non è un hobby, ma un lavoro vero. Vengono difatti pagati e sponsorizzati per i loro viaggi.

Loro sono solo due dei, pochi, influencer svizzeri, fra cui si possono citare Martina BisazLink esterno o Xenia Tchoumitcheva, sponsorizzata da brand e aziende i cui marchi appaiono sulle foto pubblicate sul suo profilo.   

I social media permettono di pubblicizzare messaggi e prodotti, ma anche territori.

Come ad esempio i Grigioni, immortalati da 20 instagrammer svizzeri, su invito dell'organizzazione turistica retica, che ha voluto sfruttare i 230 mila seguaci di questi testimonial 4.0.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.