Navigation

Alla Sorbona mezzo secolo dopo

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2018 - 20:53
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 3.5.2018)

La Sorbona è stato l'emblema della rivolta studentesca del '68. Esattamente il 3 maggio di quell'anno lo storico edificio della rive gauche nel Quartiere Latino fu teatro di scontri tra universitari di sinistra e le forze dell'ordine, intervenute per evacuare il cortile occupato dai manifestanti.

Fu la scintilla, dopo il breve prologo di Nanterre, che diede il via a una vera e propria valanga. Dieci giorni dopo fu proclamato nel paese lo sciopero generale e agli studenti si unirono i lavoratori. Ma la protesta si diffuse rapidamente anche ad altri paesi e ad altri continenti, coinvolgendo vasti strati della popolazione.

La contestazione politica investì le fondamenta della società occidentale, conservatrice, autoritaria e ripiegata su sé stessa dopo gli sconquassi della Seconda guerra mondiale, che era terminata solo due decenni prima.

Alla fine più che una rivoluzione politica si trattò di una rivoluzione dei costumi e dei rapporti interpersonali che contribuì a svecchiare la società e a porre fine ad alcuni pregiudizi ormai superati.

Il TG è tornato mezzo secolo dopo sui luoghi simbolo di quella vicenda e ha incontrato alcuni dei protagonisti di allora.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.