Navigation

Lorenzo Mattotti, una costante ricerca di nuove idee

Lorenzo Mattotti © Claudio Moschin

Per la quarta volta di fila, la Mostra di VeneziaLink esterno affida la sua immagine ufficiale (intitolata “Sguardi a confronto”) e la sigla a Lorenzo Mattotti, illustratore, fumettista e regista italiano tra i più famosi al mondo. Una collaborazione che è dovuta anche al rapporto personale dell'artista con la Serenissima.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2021 - 15:56
tvsvizzera.it/mrj

“Sguardi a confronto” vede protagoniste due persone, un uomo e una donna, che si filmano reciprocamente, in un girotondo di colori che diventa danza. “È un grande onore, una grande piacere e anche una bella scommessa”: di manifesti legati al cinema Mattotti ne ha fatti molti e – spiega – trovare ogni volta un’idea originale è una sfida, poiché gli elementi sono, alla fine, sempre gli stessi: cinepresa, pellicola, schermo.

Pur vivendo e lavorando a Parigi, Mattotti è legato in modo particolare a Venezia, alla quale ha dedicato anche un libro di disegni: ci ha studiato architettura e ci ha vissuto cinque anni ed è in questa città che ha imparato, tra le altre cose, la contemplazione.

Contenuto esterno

Dopo i manifesti per la kermesse cinematografica veneziana (che si svolgerà dal 1. all'11 settembre), dopo i numerosi libri illustrati e le 33 copertine realizzate per il New Yorker, Mattotti continua a esplorare il mondo del disegno, anche se, ammette lui stesso non è sempre facile: “Il mio problema è che oltre a essere illustratore, sono anche pittore, regista e disegnatore di fumetti e allora è un po’ difficile dopo 40 anni di lavoro, trovare sempre una motivazione, un divertimento, una voglia di fare. La cosa che più mi interessa in questo periodo è esplorare ancora cose nei miei quaderni. Improvvisare ogni giorno delle immagini per vedere cosa può venire ancora fuori. Qualcosa che mi meravigli, insomma. Non so neanch’io cosa”.

Ai disegni di Mattotti è dedicata in questo momento una mostra a MorgexLink esterno, in valle d' Aosta.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.