Navigation

Long Covid: conseguenze sempre più diffuse

Il Governo rilancia l'appello a farsi vaccinare Keystone / Sina Schuldt

Oltre 1’200 persone si sono annunciate all'Assicurazione invalidità (AI) da inizio anno per problemi almeno parzialmente dovuti al Long Covid.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2021 - 20:57
tvsvizzera.it/mrj

Un dato che preoccupa l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che - ancora oggi - ha ribadito l'importanza di vaccinarsi.

C’è ancora molta incertezza su quale sia la vera percentuale dei guariti che soffre di Long Covid: a dipendenza dei parametri che si considerano, si va dal 2,5% al 37%.

Queste persone, anche dopo tre mesi dalla guarigione, evidenziano ancora sintomi persistenti e risultano così limitate nelle loro vita quotidiana. 

A dimostrarlo è un monitoraggio dell'AI, che considera le persone che, su indicazione medica, si sono annunciate per richiedere un'invalidità. Se a gennaio e febbraio se ne contavano poche decine, a marzo erano già 170, a maggio 263, a giugno 248 e un po' meno a luglio ed agosto. In totale, finora, si sono annunciate 1'241 persone. 

Contenuto esterno

Cifre e dati che non piacciono all'Ufficio federale della sanità pubblica: “Sappiamo che il Long Covid è un problema reale. È anche questo uno dei motivi per i quali incoraggiamo le persone a farsi vaccinare e a non rischiare un'infezione”.

Un rinnovato appello al vaccino, che è stato accompagnato martedì dal lancio di una nuova campagna dell'UFSP, rivolta soprattutto ai giovani. Una campagna a favore della quale sono scesi in campo anche il presidente dell'Associazione medici di famiglia e dell'infanzia e la responsabile dell'Associazione svizzera delle infermiere.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.