Navigation

Littizzetto e le recite scolastiche

Racconto ironico dell’artista piemontese al Salone del libro su un rituale ancora molto in voga nella Penisola

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2014 - 08:29

Apprensioni, imbarazzi e tensioni spropositate dei genitori in occasione delle rappresentazioni scolastiche che hanno per protagonisti i loro figli sono raccontate con ironia da Luciana Littizzetto al Salone del libro. La comica torinese evoca un dialogo immaginario con Beppe Tosco, autore di molti dei suoi monologhi, tra un padre e il professore della figlia, alla quale avrebbe riservato il ruolo di "nana", invece di quello di Biancaneve, e per questo motivo è costretto rintuzzare i rimproveri del genitore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.